Veduta della città di Alghero

TIPOLOGIA

Dipinto

TITOLO

Veduta della città di Alghero

AUTORE

G. Cominotti

ANNO

1824

MISURE

65×38

MATERIE E TECNICHE

Acquerello

COLLOCAZIONE

Sala 3

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

La lunga dedica riportata al di sotto del dipinto “All’Ill.mo Signor Don Giuseppe Manno Cavaliere della Sacra Religione, ed Ordine militare dei Santi Maurizio e Lazzaro, Consigliere nel Supremo Consiglio di Sardegna, Giudice della Reale Udienza, Primo Ufficiale nella Regia Segreteria di stato (interni) per gli Affari di Sardegna, Segretario privato di S.M. Socio ordinario della Società Agraria, ed Economica di Cagliari; Patrizio Algherese”, fu posta dal Cominotti che, come si legge nel margine sinistro, “disegnò dal vero in 9mbre 1824”. Si tratta di una panoramica della città di Alghero e del suo cuore pulsante: il porto. La luce del sole illumina la scena e parte del circuito murario, lo stesso che ancora oggi cinge per una buona parte la città, creando un controluce d’effetto. Sullo sfondo è riconoscibile la Cattedrale, frapposta tra il seminario diocesano sulla destra e, in lontananza, l’esile campanile gugliato della Chiesa di San Francesco. Quasi in primo piano, affacciato dalla torre di Sant’Elmo, vi è il Cominotti stesso, che si rende parte integrante della scena e sembra quasi volersi rivolgere direttamente all’osservatore.