Veduta di Porto Torres

TIPOLOGIA

Litografia

TITOLO

Veduta di Porto Torres

AUTORE

G. Cominotti, E. Marchesi

ANNO

1827

MISURE

54×38

MATERIE E TECNICHE

Litografia

COLLOCAZIONE

Sala 3

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Fa parte della “Raccolta di N. XVI vedute prese sulla Centrale strada di Sardegna dedicate a S. E. Il Marchese di Villahermosa di sua Patria amatore zelantissimo MDCCCXXXII, disegnate dal vero tra il 1827 ed il 1832 ed incise presso l’officina litografica di Madmoiselle Formentin a Parigi nel 1932, una delle più in voga dell’epoca.

I disegni degli architetti Cominotti e Marchesi furono litografati in seguito dal Vanderburch, come ci suggerisce la firma al margine destro.

Vi è raffigurata la periferia con le sue case basse, le stradine in terra battuta affollate dai popolani e dai cavalli e, in lontananza, il porto e l’agglomerato urbano in cui si riconoscono la parrocchiale della Consolata e la torre aragonese; l’antico tracciato della rete viaria Carlo Felice attraversa diagonalmente la città.

L’utilizzo della prospettiva a volo d’uccello non denota solamente il pregio artistico dell’opera, ma si rivela un documento storico di grande importanza. Infatti, grazie all’utilizzo di questa tecnica, si riesce ad intuire il punto dal quale è stata catturata la scena: dalla torre eretta nel XVII secolo a difesa della basilica turritana dalle incursioni barbaresche, che oggi non esiste più.