Ritratto di Cecilia Colombo

TIPOLOGIA

Ritratto

TITOLO

Ritratto di Cecilia Colombo

AUTORE

Anonimo

ANNO

1867

MISURE

55×68

MATERIE E TECNICHE

Olio su tela

COLLOCAZIONE

Sala 7

NOTIZIE STORICO-CRITICHE

Il ritratto della contessa Cecilia Colombo di Cuccaro, doveva  originariamente  trovarsi nella tenuta di Villanova Solaro, dove Giuseppe Manno e Tarsilla Calandra trascorsero i loro primi anni di matrimonio.

La nobildonna, probabilmente effigiata post-mortem, è ritratta con gli occhi semichiusi dalle palpebre pesanti, le labbra serrate ed il volto emaciato. Il colorito, ravvivato lievemente dal rosa sulle gote, appare quasi malsano e contrasta coi boccoli grigi che  incorniciano il viso e con i toni blu riportati sulle vesti.

La contessa indossa infatti una cuffia di trina blu cobalto, decorata sul davanti da grandi rose del medesimo colore e chiusa sotto il mento da un grande fiocco ceruleo; l’ampio abito richiama i colori del copricapo.

Nell’insieme questa scala cromatica fredda rende il dipinto un ottimo esempio di pittura tonale di tradizione veneta, sono infatti i toni del blu, accompagnati dall’ombra raffigurata sulla destra, che riescono a rendere la profondità spaziale.

Sul retro della tela si legge “Contessa Cecilia Colombo di Cuccaro, nata Genna di Cocconato, deceduta il 27 gennaio 1867”.